venerdì 14 luglio 2017

Troppo ghiotto boccone

In merito alla normativa inerente la cosiddetta apologia del fascismo tale Fiano, PD, attivatosi acciocché essa venga resa più severa, ha ottenuto il titolo di testa di cazzo (espresso tramite perifrasi e sineddoche*) da parte di tale Corsaro, o Corsano, dell'opposizione. I due, apprendo, hanno già fatto scintille milanesi in occasione dei tentativi di commemorare un ucciso di parte "fascista" (durante gli anni settanta), promossi dal secondo e, a quanto pare, frenati dal primo. I parlamentari si offendono, è normale. Siccome il Fiano è ebreo, il Corsaro si è trovato alle prese con il tema della circoncisione, ragione per cui ha usato una perifrasi, per dare del testa di cazzo all'altro, comprendente tale caratteristica mutilazione genitale. 
Ha fatto male, il Corsaro: gli ebrei hanno diritto ad essere offesi secondo modalità comuni.

*Figura retorica che esprime il tutto tramite la parte.

Nessun commento:

Posta un commento